11.26.2006

 

Lazzaro

E’ un rituale che si ripete.
S’accascia, guarda in camera, morituro resuscita con una battuta da cabaret.
Nonna sì che s’accasciò. Si alzò dal letto una mattina per andare a far pipì, cadde a terra e morì.
“E’ che si commuove solo a sentire la parola libertà …” Disse dell’utri.
“Ci credo”! Rispose Rita, che in fretta aggiunse: “Con tutte le volte che ha rischiato di finire incarcerato”!
Fu sicuramente più credibile quando fu colto dal morbo della cacarella fulminante, accompagnata da sudori freddi e probabili flatulenze. All’epoca la sua stampa privata e personale, anticomunista per eccellenza, tradusse il morbo in “uno stato influenzale” di memoria brezneviana.
“E’ stato un collasso dovuto alla stanchezza, al caldo e alle preoccupazioni”.
Vorrà mica dire che è stata colpa di Prodi?
Anche in questo caso non posso che citare fatti a me noti: “Stanco era nonno, quando tornava dalla miniera, forse anche leggermente stressato. Non ha mai avuto un collasso, ma è morto a 50 anni senza polmoni”.
Lo so, pare brutto ed inopportuno questo mio post, ma che ci posso fare?
Voglio dire, almeno stesse zitto, invece no. Mi pare quall’altro matto di mussolini quando si faceva riprendere a torso nudo in un campo di grano, a far finta di mietere.
"Devo prendermi un po' più cura di me stesso - avrebbe detto il cavallerizzo - e volermi più bene".
Uno che vola in Belgio a farsi operare al menisco dopo dieci minuti da un incidente occorso “mentre faceva ginnastica” (e quando mai gli capitano incidenti mentre va al bagno o mentre aggiusta lo scarico del lavandino della cucina) mica si prende cura di sé e si vuole bene?!? Uno così, sicuramente si detesta e si trascura.
L’immortalità dell’accasciato è stata comunque subito messa in evidenza dai comunicati stampa ai quali non ci potremo sottrarre nemmeno volendo, tutti più o meno dello stesso tenore:
“Lazzaro sarà presente alla manifestazione del 2 dicembre, e poco prima di accusare la stanchezza, aveva ancora denunciato come, con questo governo di comunisti la libertà fosse a rischio”. “Ha dimostrato ancora una volta d’essere ferreo ed invincibile”.

Un pensiero affettuoso vada a chi veramente soffre, a chi avrebbe bisogno di un medico ma deve fare una fila di tre ore per riuscire a sentirsi dire “Torni domani”, a chi lavora duramente e di lavoro muore, a chi il lavoro non lo ha, a chi ha la fatica d’essere preoccupato per la sua sopravvivenza e per quella della sua famiglia, a chi ha caldo e non ha nemmeno acqua da bere, a chi ha freddo e non si può riscaldare.

Rita Pani (APOLIDE)


Comments:
Solidarieta' a chi soffre, ma mica e' colpa del Berlusca, dai siamo seri per cortesia.
 
E che c'entra?
R.
 
Devo dire che mi ha molto impressionato la scena del mancamento. L'uomo che ha rovinato l'Italia,che sembrava invincibile nella sua disonestà ieri è crollato per un malore- che tutto sommato è pure comprensibile alla sua veneranda età. Ma è stato come se,una volta visto il tuo nemico finalmente capitolare,non provi soddisfazione alcuna,anzi. C'è gente che soffre veramente,giusto.Che per un malore simile deve attendere ore,giorni per una day hospital.Però ieri berlusconi,in quell'attimo di mancamento, ha dato,almeno per un nanoistante,un'immagine finalmente umana. Considerando poi che al momento non c'è un delfino del cavaliere,possiamo forse dire che si è chiusa un'era
 
avrebbe avuto un "calo di zuccheri"? e quanti uomini, donne e bambini muoiono per non averlo mai visto lo zucchero?
Non voglio essere qualunquista, ma chi può avere a disposizione un medico che interviene prima ancora di uno psedu-svenimento?...(vi ricordo che il nano porta sempre le saccoccie piene di caramelle perchè bondi lo contagia con l'alitosi).
Un intervento di Colombo mi sembra interessante in questa storia:
http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=61342
Eppoi un risultato lo ha ottenuto: hanno rinviato il processo di Milano...
 
Fosse vero, sarebbe un colpo mica da scherzo al mito in costruzione di un superuomo dei nostri tempi; quello che il suo medico, lo Scapagnini che si pettina con l’albume, ha definito “quasi immortale” (che bell’ossimoro!); quello che fa tutti i tagliandi, però all’estero; quello che non si fa mancare niente dal coté dei taroccamenti: stirate, inserzioni di capelli, e chissà quali altre diavolerie inconfessabili.
Fosse vero, avrebbe un inquietante retrogusto da verbale di questura l’espressione dei sanitari “trattenuto per accertamenti”; pensa te…
Fosse vero…
Ma secondo me non lo è. E se lo è, è capitato al monento giusto (ma guarda un po’…) per galvanizzare le truppe e intenerire gli avversari in un momento in cui i migliori amici (Bush, Blair, Putin…) scivolano sui piani inclinati dell’impopolarità, si avanzano seri dubbi sulla gestione delle elezioni, e si fanno evidenti preoccupanti utilizzi di servizi segreti interni ed esteri per impapocchiare informazioni fasulle sugli avversari politici.
Secondo me, è l’ennesimo colpo di teatro.
E tutti ci cascano.

ciao
gianfalco
 
Posta un commento

<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?