2.02.2006

 

Chi si è fatto le canne?

La campagna elettorale finalmente decolla spinta da nuovi impulsi dialettici e soprattutto nel rispetto di tutti noi cittadini elettori. Archiviate le false polemiche sull’Unipol e sulle apparizioni mistiche dell’unto di Arcore su tutti i teleschermi, ecco i temi davvero scottanti rimbalzare da giornale in giornale:
“Chi si è fatto le canne?”
E’ inutile, la sinistra non è proprio capace di fare autocritica, pare che nessuno abbia mai fumato una canna, e spicca tra tutti (a sinistra eh!) Mastella che addirittura è arrivato vergine al matrimonio, figurarsi se ha mai fumato una canna. Quindi la discussione è incentrata sul chi mente, dato che il “rastaman” di destra, Gianfranco Fini, ha ammesso di essersene fatta una, e di quella buona, dal momento che ha fumato in Giamaica ed è rimasto sballato per due giorni.
La realtà anzi, il reality, è che se qualcuno crede ancora di sapere che ne sarà di noi, della legge 30 sul lavoro, della politica sui prezzi al consumo, sul ritiro delle truppe dall’Iraq, dovrà aspettare ancora tanto e forse l’attesa non sortirà risultato. Metteremo due tampax nelle narici ed andremo a votare col naso turato, oppure non ci andremo proprio, aspettando di vedere cosa succederà, perché l’unica cosa che riusciamo ancora a dirci tra noi, delusi e vecchi comunisti è che intanto dobbiamo levarci l’impomatato da Arcore dalle scatole e poi avremo sempre il tempo di scannarci.
Dobbiamo rassegnarci, nessuno scudo si solleverà a nostra difesa, non c’è tempo, bisogna rispondere colpo su colpo ad ogni stronzata deviante che la destra, scientemente, solleva.
Nel contempo le cose capitano, si succedono una dopo l’altra e noi siamo investiti dalla propaganda e dal vergognoso silenzio.
Che importa a noi volgo, se nei meandri degli articoli della legge finanziaria, stava nascosto il condono per i tangentisti? Sarà mica importante spiegare ai genitori dei bambini che hanno ricevuto il “grosso bacio” dal benefattore di Arcore insieme ai mille (1000/00) euro, che con tutta probabilità potranno tenersi il bacio ma dovranno restituire i soldi quando la Corte dei conti, stabilirà che non esisteva copertura finanziaria, per l’operazione di propaganda?
Che ci importa di ricordare cosa cela lo spot sul modello dell’istituto Luce che ci racconta una fantastica Italia delle grandi opere, che sono state cantierate dal governo, e scavate dal ministro Lunardi, non come ministro ma come escavatorista? Avete visto quello spot? Fanno vedere i piloni che hanno costruito e a me viene sempre da chiedermi: “Chi ci avranno sepolto dentro?” Quando parlano della Salerno Reggio Calabria è fantastico, meglio di Mel Brooks. Ma che ci importa? Vuole o no questa sinistra dirci chi tra loro s’è tirato una canna?
Abbiamo diritto di sapere, e soprattutto non dobbiamo perdere tempo a chiederci come una nazione democratica possa avere un presidente del consiglio che sistematicamente spara a zero sulle istituzioni, dal Presidente della Repubblica alla magistratura, restando impunito e soprattutto libero di farlo in televisione, ospite e padrone del giornalista di turno che oltre alla sua dignità ha perso persino il diritto di porre una domanda, una qualunque.
Ma ora finalmente hanno sancito le regole della campagna elettorale in TV, ci saranno due “duelli” tra i leader di coalizione, e noi ovviamente abbiamo tirato il fatidico sospiro di sollievo senza nemmeno aver inghiottito una Halls mentoliptus. Crediamo ancora che il rinvio dello scioglimento delle camere sia stato un trucco dell’uomo con l’ombretto, facendo finta di scordare che in ballo c’è l’approvazione della legge pecorella, studiata per bloccare i processi d’appello SME per berlusconi e previti, e per un sacco di altri pezzi grossissimi del parlamento italiano, onorevoli deputati pregiudicati.
Rita Pani (APOLIDE)

Comments:
Cara Rita, sto leggendo un po' di pagine del tuo Blog...un motivo di riflessione finalmente!è da un po' che ci penso, su questa campagna elettorale, sul silenzio della sinistra, e sulle chiacchiere del capellone di Arcore...ma mi viene un dubbio..dopo che silvio si è detto di sinistra l'altra sera all'incudine..(si, ha detto proprio così...lui è di sinistra!!) mi sono domandato..ma siamo sicuri che romano (no-refuso!!) sia di Sinistra? sto iniziando a d avere il sospetto che ci stiano propinando come candidato il primo che passava di là...sarebbe l'ora che il maratoneta ci fugasse ogni dubbio....magari lo si potrebbe votare!!
Bacioni a destra e sinistra!ALe
 
Certo che Prodi è di sinistra, almeno quanto lo sono Mastella e De Mita. Le cose sono cambiate, per questo che io sono comunista ;-)
R.
 
Grazie Rita, mi fai vedere che non sono solo in quest'italietta..
 
Ti ho linkata nel mio nuovo blog http://roccobiondi.blogspot.com/. Il vecchio è fallito. Io non solo con il naso, ma se occorre con tutti gli altri buchi turati, a votare comunque ci vado. Non vorrei avere scrupoli di coscienza.
 
Rocco, ho provveduto a cambiare il link.
:-)
R.
 
Posta un commento

<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?